La Giornata Internazionale Marconi (I.M.D) attivato di solito con il nominativo IYMR è un evento radioamatoriale di 24 ore che si svolge ogni anno per celebrare la nascita di Marconi il 25 aprile 1874.

Lo scopo della giornata è per gli appassionati radioamatori di tutto il mondo di entrare in contatto con i siti storici Marconi, di cui Rapallo fa parte, utilizzando tecniche di comunicazione simili a quelle utilizzate dal grande scienziato.

Fra le tante edizioni a cui il nostro sodalizio ha partecipato in questa sede ne ricordiamo una in particolare che sintitizza, a nostro giudizio, nel modo migliore lo spirito radiantistico con cui ogni anno si contribuisce alla riuscita a questo importantissimo evento.

 

Da Radio Rivista del settembre 2009 di Massimo Cipro – IW1QMD

Grandi nella Scienza, Grandi nello sport e Pionieri nella Solidarietà.

I radioamatori dell’A.R.I., la Ferrari leader della F1, un Club Lions; sono i mondi, apparentemente molto distanti fra loro, che hanno saputo trovare un importante valore universale: la Solidarietà.

Da questa premessa nasce l’“International Marconi Day – Grandi nella Scienza, Grandi nello sport e Pionieri nella Solidarietà “, una manifestazione socio-culturale patrocinata dal Comune di Rapallo, che si è tenuta nei giorni 24-25-26 aprile 2009 presso l’Hotel Europa di Rapallo.

Questi tre giorni sono stati anche l’occasione per commemorare i primi 100 anni del Nobel a Guglielmo Marconi che, come tutti sanno, ha avuto modo di fare importanti esperimenti in questo territorio. Non a caso il Golfo Tigullio è anche denominato Golfo Marconi.

Durante il “Marconi Day”sono stati organizzati una serie di eventi fra cui una mostra di una mostra di apparecchiature radio d’epoca, l’esposizione di modellini Ferrari, pannelli e foto, l’attivazione di una stazione radio ed un interessante convegno legato all’innovazione tecnologica ed alla solidarietà che ha saputo mettere insieme in modo tangibile le varie anime dei protagonisti della manifestazione.

Proprio in questa occasione, che ha visto un’importante partecipazione di pubblico, è stato proiettato un filmato rievocativo sull’attività di Gugliemo Marconi, preparato dal Comandante Andreatta, sono intervenuti il Presidente del C.R.L. Franco Badano (I1GDH) e il Prof. Andrea D’Agostino Prof. Andrea D’Agostino (I1YNW) radioamatore, ferrarista e socio Lions e quindi, se vogliamo, sintesi delle diverse anime dei protagonisti della manifestazione.

Gli interventi nel convegno sono poi proseguiti con le relazioni dell’Ing. Valentino Ferrari (solo omonimia non parentela con Enzo Ferrari), responsabile del settore Telecomunicazioni della Ferrari, e di Padre Enzo – TL8CE (nominativo non personale ma assegnato alla missione) da decenni attivo in Centro Africa.

Franco Badano nel suo intervento ha illustrato le peculiarità del mondo radioamatoriale ed ha evidenziato, in modo particolare, il ruolo che gli operatori dell’A.R.I. hanno svolto e stanno svolgendo nell’Abruzzo martoriato dal terremoto dimostrando ancora una volta l’importanza vitale delle comunicazioni alternative d’emergenza nella Protezione Civile.

Il Prof. Andrea D’Agostino, ideatore e anima di “Antenna Amica”, nata per sostenere concretamente i missionari via radio, ha raccontato con verve e ironia le proprie esperienze in frequenza e i risultati raggiunti da questo gruppo di Radioamatori.

L’ ing. Valentino Ferrari ha calamitato la platea svelando alcuni particolari sulle problematiche inerenti l’utilizzo delle radiocomunicazioni nel mondo della F1 e gli sforzi fatti per essere sempre competitivi utilizzando proprio le potenzialità delle trasmissioni radio.

Padre Enzo, con la sua simpatia e semplicità, ha avuto modo di illustrare alcuni momenti della vita nelle Missioni ed ha sottolineato l’importanza della radio come strumento di collegamento con la Casa Madre e di supporto alla risoluzione dei piccoli e grandi problemi di tutti i giorni. A tale proposito è stato molto emozionante il racconto degli sforzi fatti, in certi casi anche con il rischio della propria incolumità personale, dai missionari durante la guerra civile per difendere il loro prezioso RTX dalle incursioni dei ribelli e dei mercenari. Esempio concreto che la radio non è solo un’hobby ma può essere considerata vitale come strumento di concreto aiuto agli altri.

Il convegno è stato concluso dagli interventi del Sindaco di Rapallo avv. Mentore Campodonico e dall’assessore alla cultura della Regione Liguria Dott. Fabio Morchio. Quest’ultimo ha portato la propria esperienza personale raccontando come, durante un suo viaggio in Africa, ha potuto constatare di persona le affermazioni fatte in precedenza da Padre Enzo.

Dal punto di vista radiantistico la giornata clou è stata senz’altro il 25 aprile per l’International Marconi Day. Questo appuntamento organizzato ogni anno dall’associazione inglese ‘Cornish Amateur Radio Club’, con la collaborazione di oltre 60 Club e Associazioni di tutto il Mondo ha lo scopo di attivare contemporaneamente le “Stazioni Speciali” nelle località dove Guglielmo Marconi ebbe modo di fare i suoi esperimenti.

Tornando all’aspetto più importante della manifestazione, cioè la Solidarietà, il Lions Club di Rapallo ha l’occasione di questa manifestazione per avviare un “service’ molto ambizioso; l’acquisto di un’ambulanza da destinare ad una missione africana.