“L’ onda di MARCONI DAL TIGULLIO AL MONDO al mondo intero”

Rapallo 18 dicembre 2004 – 9 gennaio 2005

Questa mostra è stata organizzata per il Comune di Rapallo da Deus Editore con la collaborazione di: Associazione Radio Amatori Sezione di Rapallo, Radio Club Levante, Museo Marinaro Tommasino-Andreatta, Andrea D’Agostino, Antenna Amica. Il coordinamento Scientifico e stato di Alessandra Rotta, Massimo Cipro e Franco Badano ed il Coordinamento Operativo di Ugo Canonici, Rosanna Arrighi, Marco Ferrini.

La mostra è stata possibile grazie alla disponibile collaborazione di collezionisti ed estimatori dello scienziato.

In particolare i pezzi esposti sono stati messi a disposizione da:

  • ERNANI cap. ANDREATTA AGOSTINO
  • ROBERTO CASTRUCCIO
  • ROBERTO COLLA
  • CLAUDIO GILARDENGHI
  • SCHELLINO GIOVANNI (I1SCH)

Ecco come la curatrice scientifica della Mostra Alessandra Rotta illustra la struttura dell’ esposizione nel bel catalogo pubblicato per l’ occasione:

……al piano terra si “narra” l’evoluzione del “percorso” scientifico di Marconi.

Il perfezionarsi della sua Idea mettendo in luce, dopo una serie di indicazioni biografiche tese a riassumere la grande attività e operosità dello scienziato-studioso, due aspetti particolari: l’attualizzazione delle scoperte, la sua contestualizzazione al Tigullio; Marconi ha avuto un particolare legame con il Tigullio che, per riconoscenza, porta anche il suo nome; in queste acque, sui monti che le circondano, dai palazzi che vi si affacciano, per anni egli ha portato avanti esperimenti che hanno infine generato l’accensione delle luci a Sindney; quasi a dire che dalle prime antenne poste sulle terrazze dell’Hotel Miramare si è giunti alle odierne “parabole” e dai segnali lanciati dalle antenne di Montallegro si è giunti alle odierne an­tenne delle trasmissioni telefoniche.

.…..al piano superiore si “vive” sogna realizzato da Marconi della trasmissione della voce dove:

Il gruppo Radioamatori della sezione di Rapallo, offre una serie di occasioni per comunicare con le più svariate parti del mondo, facendo scoprire “segreti” non tanto segreti ma assolutamente sconosciuti alla maggior parte di noi, su quella realtà misteriosa rappresentata dal mon­do della trasmissione do voci e suoni via etere, (da una semplice “cabina” alla contemporanea postazione computerizzata)

Grazie, inoltre, alla partecipazione del Dott. D’Agostino (ndr ANTENNA AMICA), che da anni porta avanti contatti radio con missioni sperdute nel mondo è , possibile capire lì importanza della “comunicazione” intesa come punto di riferimento, come scambio culturale, come aggiornamento sulle vicende mondiali e sulle innovazioni sia in campo medico che scientifico o altro.

Il Liceo della Comunicazione Istituto Gianelli di Chiavari, sottolinea, con la propria partecipata presenza l’attualità del tema marconiano della comunicazione.

Il Radio Club Levante porta il suo contributo di conoscenza e di utilizzo applicato delle innovazioni di Marconi attraverso l’esperienza dei suoi soci e con un bagaglio bibliografico di preziosa quantità e qualità.

Momento spettacolare del montaggio delle antenne

Parte della Sala Radio

Pannelli didattici del primo piano

Pannelli didattici del secondo piano

Pannelli didattici del primo piano

Pannelli didattici del primo piano

Il Sindaco di Rapallo (a destra) viene intrattenuto dal Sig. Castruccio (di spalle) che ebbe modo di lavorare con G. Marconi

Il Presidente Franco BadanoI1GDH (a sinistra) illustra la stazione radio all’ Ing A. Pontremoli Presidente e a.d. di IBM Italia