La ns. Sezione vanta una lunga esperienza nel campo delle radioassistenze e si mette sistematicamente a disposizione di Enti, Associazioni, Scuole, ecc. per far si che le Manifestazioni organizzate abbiano la migliore riuscita. Anche nell’ epoca dei telefonini cellularari la radio risulta essere ancora un mezzo insostituibile per molti impieghi sia dal punto di vista funzionale che economico.

Da parte nostra le radioassistenze sono un momento formativo, che sicuramente potrà essere riversato con profitto nell’ attività di Protezione Civile, e un momento di aggregazione associativa che molte volte è inframezzato da gustosissimi incontri gastronomici.

Da non dimenticare inoltre che durante le radioassistenze si sperimentano nuove tecnologie (es. A.P.R.S) e si mettono alla prova le nostre attrezzature.

Nel febbraio 2005 i ns. Soci hanno sperimentato l’ utilizzo dell’ATV per le questo tipo di servizio. Gli ottimi risultati ottenuti fanno si che molte delle gare in programma sfrutteranno questa tecnica.

Nell’ anno in corso l’ attività di radioassistenza viene svolta soprattutto per:

  • Rally’s automobilistici;

  • Gare di moto in salita;

  • Eventi di varia natura oragizzati da Enti Pubblici (Comuni, Scuole, ecc.);

  • Gare ciclistiche di Cicloturismo;

  • Altri eventi che necessitino Comunicazioni Radio Alternative

Fra i vari eventi che hanno visto impegnati anche i nostri Soci vi è stata la visita del Pontefice Benedetto XVI alle città di Savona e Genova che si è svolta sabato 17 e domenica 18 maggio 2008. Considerata l’ importanza di questo avvenimento (si pensi che sono oltre 200 anni che un Papa non arrivava nella città di Savona) è stato richiesto un impegno organizzativo straordinario da parte delle Istituzioni e del Volontariato.

In questo contesto alcuni Radioamatori appartenenti al Gruppo Regionale di Protezione Civile hanno messo a dispozione le loro competenze contribuendo ad attiviare la Sala Radio delle Prefettura di Genova, la Sala Radio della Regione Liguria, la Sala Radio del Comando Vigili Urbani di Genova e dei transporder per coprire quelle zone non raggiungibili con collegamenti in diretta.Lo sforzo di tutte le componenti di coordinamento impegnate a far si che più di 900 Volontari impegnati sul campo fossere supportati nel modo migliore è stato particolarmente apprezzato a tutti i livelli sottolineato istutuzionaleChiunque avesse necessità del nostro aiuto per una radioassistenza può scrivere un e-mail a: sezione@arirapallo.it